Alimentazione, Integratori, Patologie

L’importanza del potassio per la salute del cuore delle donne

Potassio per il cuore delle donne - copertina

Il potassio è un elemento chimico che svolge importanti funzioni all’interno del nostro organismo. Tra queste, un recente studio, presentato al congresso della ESC (European Society of Cardiology) che si è tenuto a fine agosto a Barcellona, ha stabilito che il potassio aiuta a controllare la pressione, migliorando la salute del cuore, in particolare nelle donne. 

Come abbiamo già spiegato nell’articolo pubblicato la scorsa settimana (che potete trovare a questo link), le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte in Italia. Ma non solo. Sono infatti oltre 7,5 milioni le persone che soffrono di disturbi cardiaci nel nostro Paese. Cerchiamo allora di capire come e perché il potassio aiuta a migliorare la salute del cuore.

Lo studio: sodio, potassio e pressione sanguigna

Lo studio è partito con l’analisi dei dati raccolti tra il 1993 ed il 1997 dagli ambulatori generali di Norfolk, nel Regno Unito. Ai tempi era stato chiesto a 24.963 partecipanti (di cui 11.267 uomini e 13.696 donne) di compilare un semplice questionario legato alle proprie abitudini alimentari. I dati raccolti comprendevano inoltre la misurazione della pressione sanguigna e la raccolta di un campione di urine. 

Sulla base di queste informazioni, i ricercatori hanno poi suddiviso i soggetti in tre gruppi, sulla base del diverso apporto di sodio e potassio rilevato dalle urine. Lo scopo era quello di analizzare il rapporto tra l’assunzione di potassio e la pressione sanguigna. I risultati osservati hanno dello stupefacente.

Da una parte, infatti, con l’aumentare dell’assunzione di potassio si è osservata una corrispettiva diminuzione della pressione sanguigna per entrambi i sessi. Mentre, analizzando l’assunzione di sodio, la stessa relazione inversa di aumento di potassio e riduzione della pressione è stata osservata solo nelle donne. 

In numeri, è stato osservato che nei soggetti di sesso femminile che assumevano grandi quantità di sodio, un aumento di 1 grammo di potassio al giorno equivaleva ad una riduzione della pressione sanguigna pari a 2,4 mmHg. Questa stessa reazione non è invece stata osservata nei soggetti di sesso maschile. 

Il Follow-Up: 20 anni dopo

Alla ricerca ha fatto seguito il cosiddetto follow-up, ovvero un periodo di controllo periodico, in cui si cercano di collezionare dati, per così dire, a lungo termine. Nei 20 anni successivi, infatti, i soggetti che parteciparono alla ricerca sono stati monitorati e controllati. 

I dati raccolti ci dicono che il 55% dei soggetti è stato ricoverato in ospedale oppure è deceduto per malattie cardiovascolari. Tuttavia, i soggetti che sono risultati meno a rischio sono quelli che hanno mostrato un più alto consumo di potassio, che ha ridotto il rischio di patologie cardiovascolari del 13%. Nello specifico, gli uomini hanno mostrato una riduzione del rischio pari al 7%, mentre le donne una riduzione dell’11%. 

In conclusione, i risultati indicano in maniera chiara che il potassio aiuta a mantenere la salute del cuore e a prevenire malattie cardiovascolari, in particolare nelle donne. Ma perchè? 

Perché il potassio protegge il cuore?

Nel nostro articolo Meno sale per ridurre il rischio di ictus e infarti abbiamo parlato dei rischi di malattie cardiovascolari legati all’eccessiva assunzione di sale. La Società Europea di Cardiologia ne consiglia infatti un consumo di non più di 5 grammi al giorno, ma non è sempre facile rendersi conto di quanto sale introduciamo nel nostro organismo. 

In breve, il sale influisce negativamente sulla pressione sanguigna, aumentando il rischio di infarti, ictus e altre malattie correlate. Una contromisura efficace in questo caso è, indovinate un po’, il potassio. Esso infatti contribuisce all’espulsione del sodio attraverso le urine, diminuendo pertanto la concentrazione salina nel corpo, con tutti i benefici che ne conseguono. 

Attenzione all’alimentazione

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le dosi giornaliere raccomandate di potassio si aggirano intorno ai 3,5 grammi, mentre, come detto, non bisognerebbe consumare più di 5 grammi di sale al giorno, che equivalgono a circa 2 grammi di sodio. 

I dati nazionali indicano che la popolazione italiana assume una quantità di sale quasi doppia rispetto alle indicazioni dell’OMS, mentre l’apporto di potassio risulta al di sotto della dose raccomandata. Per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari è pertanto necessario modificare le nostre abitudini alimentari. 

Tra gli accorgimenti per ridurre il consumo di sale, oltre alla soluzione più ovvia di ridurne le quantità quando si cucina, prestate attenzione ai cibi trasformati, che spesso contengono grandi quantità di sale. Ciò comprende alimenti inscatolati, surgelati, confezionati e preparati in qualsiasi modo. Un occhio di riguardo andrebbe applicato anche ai cibi che contengono conservanti e coloranti. 

Per quanto riguarda invece il potassio, gli alimenti che ne contengono le maggiori quantità sono la verdura, la frutta, il pesce e la frutta secca. In particolare:

  • albicocche secche; 
  • legumi secchi;
  • mandorle;
  • datteri; 
  • arachidi; 
  • noci; 
  • spinaci; 
  • tonno in scatola; 
  • carciofi; 
  • banane; 
  • sgombro.

In alternativa, un sicuro apporto delle dosi giornaliere necessarie di potassio è assicurato dagli integratori alimentari, come i numerosi prodotti dei Laboratori Bioline. Ecco alcuni esempi: 

Visitate lo shop per trovare l’integratore alimentare a base di potassio più adatto alle vostre esigenze!

Torna alla lista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.