vitamina-c
Condividi su facebook
condividi su Facebook
Condividi su linkedin
condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su whatsapp
Condividi su email
CONDIVIDI PER EMAIL
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
linkedin
Condividi su whatsapp
whatsapp
Condividi su email
EMAIL

Vitamina C (Acido L-Ascorbico): Dove si trova ed a cosa serve

Cos’è la vitamina C o acido ascorbico?

La vitamina C o acido L-ascorbico – detto anche fattore antiscorbutico – è una vitamina idrosolubile piuttosto delicata e suscettibile alle condizioni ambientali; è particolarmente deperibile se esposta al calore inteso e all’ossidazione (esposizione all’ossigeno).

L’acido L-ascorbico ha svariate funzioni biologiche – antiossidante, sintesi del collagene, funzionamento immunitario, guarigione delle ferite e ottimizzatore dell’assorbimento del ferro – e risulta abbondantemente presente soprattutto nella frutta e nella verdura fresche e crude.

Utilissima anche nell’industria alimentare e per le numerose virtù salutistiche attribuitele, la produzione e il commercio di vitamina C come additivo ed ingrediente cosmetico – in varie forme chimiche, come l’ascorbato di calcio o di sodio – e come integratore alimentare, è tra i più importanti al mondo.

Dove si trova la vitamina C (acido L-ascorbico)?

La vitamina C è abbondantemente presente in certi alimenti di origine vegetale, mentre i cibi di natura animale generalmente non la contengono in quantità rilevanti.

Le uniche eccezioni sono costituite da:

  • Latte materno umano, in quantità di 5,0 mg / 100 g – mentre il latte di mucca ne contiene solo 1,0 mg / 100 g
  • Latte formulato per neonati, in misura di 6,1 mg / 100
  • Fegato crudo (qualsiasi) – tuttavia sconsigliabile dal punto di vista della sicurezza igienica alimentare. Ad esempio, il fegato di pollo crudo contiene 17,9 mg / 100 g di acido L-ascorbico ma, in seguito a cottura totale (ad esempio tagliato a fette e saltato in padella), tale contenuto viene ridotto a 2,7 mg / 100 g.

Le uova di gallina non contengono naturalmente vitamina C, nemmeno crude.

Gli alimenti di origine vegetale sono globalmente considerati una buona fonte di acido L-ascorbico, anche se la quantità specifica dipende dal prodotto in questione, dalla natura del suolo e dal clima di coltivazione, dallo stato di maturazione al momento della raccolta, dal tempo e dalle condizioni di conservazione, e da eventuali lavorazioni propedeutiche al consumo.

I prodotti più comuni e diffusi nella dieta italiana che contengono alte concentrazioni di vitamina C sono:

  • Peperoni
  • Peperoncini
  • Uva
  • Ribes
  • Prezzemolo
  • Cavolo nero
  • Cime di rapa
  • Broccoli
  • Rucola
  • Kiwi
  • Cavoletti di Bruxelles
  • Bietole
  • Cavolfiore
  • Lattuga
  • Spinaci
  • Mandaranci
  • Cavolo cappuccio
  • Sambuco
  • Mandarini
  • Fragole
  • Arance
  • Limoni
  • Pompelmi
  • Mele
  • Radicchio verde
  • Pomodori

La vitamina C è anche piuttosto abbondante nel germe dei semi, come quello di riso, di mais, di frumento ecc; d’altro canto, a causa della conservazione e della lavorazione industriale, spesso gran parte dell’acido L-ascorbico rimane compromesso. Diverso è se prendiamo in analisi i germogli. Trattandosi di organismi “viventi”, questi mantengono invariati i livelli di vitamina C e possono essere considerati ottime fonti nutrizionali alternative.

Esiste poi una lunga lista di prodotti esteri ricchissimi di acido L-ascorbico, tuttavia scarsamente in uso all’interno del Bel Paese. Tra questi:

  • Anona
  • Kakadu
  • Plum
  • Camu camu
  • Acerola
  • Seabuckthorn
  • Uva spina indiana
  • Frutto di rosa
  • Guava
  • Ribes nero
  • Loganberry
  • Cloudberry
  • Papaya
  • Frutto della passione
  • Lime

Nota: ricercando lo specifico contenuto nutrizionale in vitamina C degli alimenti si faccia attenzione allo stato o forma degli stessi. Se essiccati o conservati, e ricchi di acido L-ascorbico, con tutta probabilità si tratta di cibi arricchiti artificialmente in antiossidanti.

Attenzione! Una cottura fino od oltre i 60 °C causa la perdita di almeno il 60 % della vitamina C complessiva, quantità che aumenta col passare del tempo. Alte decurtazioni di acido L-ascorbico si osservano per liscivazione, ovvero per dispersione-diluizione nell’acqua. Ciò avviene, per esempio, ammollando frutta e verdura tagliata a pezzi, oppure lessandola per affogatura. Il taglio e la conservazione a basse temperature, al contrario, non sembrano provocare grosse perdite di vitamina C, a patto che le superfici alimentari non vengano lasciate esposte all’aria – è necessario coprire adeguatamente con pellicola o coperchi.

Alimenti fortificati in Vitamina C, additivi e integratori alimentari

Fortificazione alimentare

Diverse agenzie per la sicurezza alimentare hanno valutato l’effetto della fortificazione alimentare con gli ascorbati e stabilito l’eventuale pertinenza della stessa.

In Canada, ad esempio, la fortificazione è stata resa “obbligatoria” per diverse classi di alimenti, come bevande aromatizzate alla frutta, miscele e concentrati, alimenti per una dieta a basso consumo energetico, prodotti sostitutivi dei pasti e latte evaporato.

Integratori alimentari

Gli integratori alimentari di vitamina C sono disponibili in compresse, capsule, polveri solubili, formulazioni solubili multi-vitaminiche / minerali, complessi antiossidanti ecc.

Il contenuto di compresse e capsule varia da 25 mg a 1500 mg per porzione.

Le forme chimiche di supplemento più comunemente usate sono l’acido ascorbico, l’ascorbato di sodio e l’ascorbato di calcio. Le molecole di vitamina C possono anche essere legate al palmitato degli acidi grassi, creando ascorbil palmitato (vedi sotto), oppure incorporate nei liposomi.

Vitamina C in polvere
Integratore di Vitamina C in Polvere (bustine)
Acido Ascorbico – Vitamina C è un integratore alimentare di Vitamina C in polvere, indicato in tutti i casi in cui sia necessario aumentare la quantità di tale vitamina per le sue proprietà antiossidanti.
Vitamina C in polvere
Integratore di Vitamina C in Polvere (bustine)
Acido Ascorbico in compresse masticabili
Integratore di Vitamina C in Compresse Masticabili
Contribuisce alla funzione del sistema immunitario durante e dopo uno sforzo fisico intenso, alla formazione del collagene per la funzione dei vasi sanguigni e alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.
Acido Ascorbico in compresse masticabili
Integratore di Vitamina C in Compresse Masticabili
Magnesio Ascorbato in compresse
Integratore di Vitamina C e Magnesio (Ascorbato di Magnesio)
Il Magnesio ascorbato (o Ascorbato di Magnesio) è il sale di magnesio dell’acido ascorbico (vitamina C); in pratica, all’interno di una molecola di magnesio ascorbato troviamo Vitamina C “complessata” a una certa quantità di Magnesio.
Magnesio Ascorbato in compresse
Integratore di Vitamina C e Magnesio (Ascorbato di Magnesio)

Additivi alimentari

L’acido ascorbico e alcuni suoi sali ed esteri sono additivi comunemente aggiunti a vari tipi di alimenti, principalmente con l’intento di ritardare l’ossidazione.

Le sigle europee relative agli additivi contenenti vitamina C sono:

  • Acido ascorbico E300
  • Ascorbato di sodio E301
  • Ascorbato di calcio E302
  • Esteri dell’acido grasso E304 di acido ascorbico come ascorbil palmitato.

Quanta vitamina C (acido L-ascorbico) assumere con la dieta?

I livelli di assunzione raccomandata di vitamina C per la popolazione adulta (> 18 anni) sono leggermente diversi a seconda della fonte bibliografica consultata:

  • Livelli di Assunzione Raccomandata di Nutrienti per la popolazione italiana: 105 mg / die maschi e 85 mg / die femmine
  • European Food Safety Authority (EFSA): 110 mg / die maschi e 95 mg / die femmine
  • World Health Organization (OMS): 45 milligrammi (mg) al giorno (die) o 300 mg a settimana
  • European Commission Council on nutrition labeling: 80 mg / die
  • Health Canada 2007: 90 mg / die maschi e 75 mg / die femmine
  • United States National Academy of Sciences: 90 mg / die maschi e 75 mg / die femmine
  • Japan National Institute of Health and Nutrition: 100 mg / die
  • India National Institute of Nutrition, Hyderabad: 40 mg / die.

Ogni istituto di ricerca ha poi stimato i livelli di assunzione raccomandati per i gruppi di popolazione differenti, quali in età di accrescimento, gestanti, nutrici e fumatori. Di seguito quanto consigliato dai LARN:

  • Bambini:
    • 1-3 anni: 35 mg / die
    • 4-6 anni: 45 mg / die
    • 7-10 anni: 60 mg / die
  • Adolescenti:
    • 11-14 anni 90 mg / die maschi e 80 mg / die femmine
    • 15-17 anni 105 mg / die maschi e 85 mg / die femmine
  • Gravide: 130 mg / die
  • Nutrici: 130 mg / die
  • Fumatori: + 35 mg / die*.

*Poiché i fumatori di sigarette e le persone esposte al relativo fumo passivo mostrano livelli plasmatici di acido L-ascorbico più bassi rispetto ai non fumatori, si è stabilito un aumento di 35 mg / die. L’ipotetico meccanismo alla base di questa circostanza sarebbe il danno ossidativo provocato dall’inalazione del fumo. A vantaggio di questa teoria, l’esito di una meta-analisi che ha mostrato una relazione inversa tra l’assunzione di vitamina C e cancro ai polmoni, sebbene abbia concluso che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questa osservazione.

La dose massima tollerabile – in inglese Tolerable Upper Intake Level – di acido L-ascorbico per un adulto è di circa 2000 mg / die, poiché certi studi sull’uomo hanno riportato la manifestazione di diarrea e altri disturbi gastrointestinali a dosi superiori di 3.000 mg / die.

Un’indagine 2013-2014 condotta dal National Center for Health Statistics ha riferito che per gli adulti di età pari o superiore a 20 anni, gli uomini hanno consumato in media 83,3 mg / die e le donne 75,1 mg / die di vitamina C. Ciò significa che metà delle donne e più della metà degli uomini non introduce la quantità minima di acido ascorbico necessaria al benessere psicofisico. Lo stesso sondaggio ha affermato che circa il 30 % degli adulti dichiara di aver consumato un integratore alimentare di vitamina C o un integratore multi-vitaminico / minerale che includeva vitamina C e che, per questi soggetti, il consumo totale era compreso tra 300 e 400 mg / die.

A cosa serve la vitamina C?

La vitamina C è un nutriente essenziale; poiché l’organismo umano non è in grado di sintetizzarla, siamo obbligati ad introdurla con gli alimenti. Altri animali come i grandi erbivori invece, possiedono la capacità di produrla in maniera autonoma. Le capre ad esempio, sintetizzano acido L-ascorbico in grandi quantità; un animale adulto in condizioni di piena salute è capace di produrre oltre 10.000 mg di acido L-ascorbico al giorno – aumentandoli in caso di stress.

Le funzioni della vitamina C nell’organismo umano sono diverse. È un cofattore di molte reazioni enzimatiche che mediano una varietà di funzioni biologiche essenziali, tra cui la sintesi del collagene e la guarigione delle ferite.

Un altro ruolo biochimico primario della vitamina C è quello di potente antiossidante (agente riducente) donando elettroni in varie reazioni enzimatiche e non enzimatiche. In questo modo l’acido L-ascorbico si converte in uno stato ossidato, come acido semideidroascorbico o acido deidroascorbico. Questi composti possono essere ripristinati a uno stato ridotto dal glutatione e dai meccanismi enzimatici dipendenti dal NADPH.

L’acido L-ascorbico è anche utilissimo nell’ottimizzazione dell’assorbimento intestinale del ferro, ostacolando l’anemia sideropenica nei soggetti predisposti.

La vitamina C è consigliata nei periodi di maggior vulnerabilità immunitaria, visto il suo ruolo trofico nei confronti del sistema immunitario.

Cosa comporta la carenza di vitamina C (acido L-ascorbico)?

Il corpo umano può immagazzinare solo una certa quantità di vitamina C all’interno del fegato; in caso di carenza cronica, queste scorte si esauriscono abbastanza velocemente.

La carenza di vitamina C porta a una sintesi alterata del collagene, che risulta troppo instabile, contribuendo ai sintomi più gravi dello scorbuto. Inoltre, la mancanza di acido L-ascorbico determina il malfunzionamento di molti altri enzimi che dipendono da esso.

Lo scorbuto si manifesta con macchie e sanguinamento sottocutaneo (soprattutto su cosce e gambe), gengive spugnose, crescita alterata dei capelli e scarsa guarigione delle ferite. I soggetti con scorbuto risultano pallidi, depressi e si muovono con fatica. Nello scorbuto avanzato si aprono ferite più estese, compaiono suppuranti, perdita dei denti, anomalie ossee e, infine, morte.

Condividi su facebook
condividi su Facebook
Condividi su linkedin
condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su whatsapp
Condividi su email
CONDIVIDI PER EMAIL
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
linkedin
Condividi su whatsapp
whatsapp
Condividi su email
EMAIL
Bioline
Bioline